Chi siamo

L’Organizzazione di Volontariato “Associazione delle Polizie Italiane – Organismo di volontariato sociale , con sede in Genova, costituita ai sensi della Legge 266/91 e della Legge Regionale n. 42 del 6 dicembre 2012, persegue il fine esclusivo della solidarietà sociale, umana, civile, culturale.

L’Associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nel campo della assistenza sociale, sanitaria, impegno civile e difesa dei diritti, culturale, educazionale, ambientale nonché di protezione civile
del territorio e tutela del patrimonio artistico con le seguenti finalità:

  1. il Presidio Civile del Territorio; svolto attraverso i propri soci volontari , sia cittadini che appartenenti in servizio o quiescenza alle forze di Polizia presenti sul territorio italiano, siano esse locali che nazionali.
  2. la divulgazione delle proprie attività associative, informando i cittadini circa la storia e le competenze delle forze di polizia rappresentate dai propri iscritti.
  3. l’effettuazione di corsi ed incontri con studenti e cittadini, anche in accordo con gli Istituti Scolastici, per informare su quanto attiene il codice penale, di procedura penale nonché tutte le norme statutarie collegate, al fine di infondere un senso di educazione civica e rispetto delle leggi vigenti sul territorio nazionale con particolare riferimento al fenomeno del bullismo e dell’abuso del consumo personale di sostanze stupefacenti.
  4. l’ informazione sulle norme di sicurezza stradale con riguardo alla guida sotto l’influenza di alcol o sostanze stupefacenti; attraverso le dimostrazioni pratiche con un simulatore di guida che permetterà di constatare l’effettivo rischio per la vita e le conseguenze penali, civili e sanitarie ad essa collegate
  5. l’ assistenza alle Associazioni ed Enti impegnati nell’assistenza alle Vittime di Reato con particolare riguardo al fenomeno collegato ai reati relativi al cd “stalking” ( atti persecutori) informando le parti lese sulle norme a loro tutela e sulle modalità di denuncia/querela o ammonimento del Questore, previsto dal codice penale nei confronti dell’autore del reato.
  6. la gestione di Case Famiglia o Case Rifugio per vittime di reato o di Centri di Accoglienza di soggetti svantaggiati per finalità di solidarietà.
  7. la gestione di Centri Ascolto per le vittime di reato, per la mediazione civile o penale dei conflitti e sostegno psicologico.

Per perseguire gli scopi sopraindicati, l’Associazione può stipulare Accordi e/o Convenzioni con Enti
Pubblici o Privati , Fondazioni, Associazioni od Istituzioni Locali e Nazionali. L’associazione per le proprie
attività indosserà apposita divisa sociale. Per il conseguimento dei propri scopi, l’Associazione in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione potrà altresì promuovere occasionalmente raccolte pubbliche di fondi.